Go to Top

Rassegna Stampa del corso su Esercizio fisico e Allenamento in Riabilitazione Cardiorespiratoria

Sabato 11 novembre si è svolto a Brescia il Convegno su "Esercizio fisico e allenamento in riabilitazione cardiorespiratoria" organizzato da ARIR in collaborazione con l'equipe della Pneumologia Riabilitativa della Fondazione Salvatore Maugeri I.R.C.C.S. di Lumezzane (BS) e l'Università degli Studi di Brescia.

Oltre 160 i presenti, fisioterapisti e medici, in particolare pneumologi e cardiologi, provenienti non solo da Brescia e dintorni ma anche da altre regioni d’Italia. La corposa platea, molto interessata e partecipe, ha ascoltato e interagito con i numerosi relatori tra cui personalità di spicco del panorama della riabilitazione pneumologica e cardiologica internazionale. Oltre al dott. Michele Vitacca e alla Dott.ssa Ft. Mara Paneroni, organizzatori del Convegno e attori di prim’ordine nel panorama della Pneumologia Riabilitativa, hanno partecipato la dott.ssa Simonetta Scalvini, Responsabile dell’U.O. di Cardiologia Riabilitativa del già citato Istituto di Lumezzane; Marta Lazzeri, presidente dell’ARIR; il prof. Ioannis Vogiatzis, membro di spicco dell’European Respiratory Society, che ha tenuto una lezione magistrale sugli ultimi aggiornamenti in materia di allenamento di pazienti affetti da BPCO e/o Scompenso Cardiaco; in fine, ultimo ma non ultimo, il prof. Nicolino Ambrosino, padre della Riabilitazione Pneumologica in Italia ed autore di oltre 200 pubblicazioni sulle principali riviste scientifiche di aerea pneumologica.

L'evento, patrocinato dalle associazioni nazionali dei fisioterapisti, AIFi, degli pneumologi, AIPO, e dei cardiologi riabilitatori, GICR-IACPR, ha affrontato tematiche fondamentali per la riabilitazione dei pazienti con BPCO e Scompenso Cardiaco: dalla fisiologia alla fisiopatoloogia dell'esercizio, dalle modalità di allenamento per la muscolatura periferica a quelle per muscoli respiratori, si è parlato sia di pazienti in condizioni di stabilità clinica sia in fase di riacutizzazione di patologia. Non sono mancate informazioni sugli interventi terapeutici in grado di migliorare la tolleranza allo sforzo, tra cui la terapia inalatoria, l'ossigenoterapia, la ventilazione non invasiva e non da meno gli aspetti nutrizionali, oltre che le strategie per migliorare l'aderenza al trattamento e il monitoraggio dei programmi di mantenimento anche attraverso la telemedicina.

Un sentito ringraziamento va infine agli sponsor Alfasigma, Boehringer Ingelheim, Chiesi, MedicAir, Novartis e Vivisol che hanno contribuito a sostenere i costi necessari alla realizzazione di un evento così interessante e partecipato.

Qui trovate le foto di alcuni momenti dell'evento e la notizia del corso pubblicata su due quotidiani a tiratura nazionale.





















Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *